ANCeSCAO

Attestato di affiliazione alla Associazione ANCeSCAO per l’anno 2017

ANCeSCAO – Associazione Nazionale Centri Sociali Comitati Anziani e Orti

 

Tel. 051 352178/ 0514150 245

indirizzo email: www.ancescao.it

L’Associazione nasce  a Bologna il 12 marzo 1990. Sul sito si trova lo Statuto ,

il Vademecum del socio e dati statistici sul  volontariato in Italia.

Tutti i soci tesserati  del Centro “Rambaldi” di Toscanella da quest’anno (2017)  sono automaticamente affiliati anche  all’Associazione  ANCeSCAO su tutto il territorio nazionale.  Con i seguenti vantaggi:

1 – Accesso a tutti i Centri Ancescao con diritto a partecipare alle iniziative  e attività proposte.

2 – Accesso a tutti i Centri Sociali affiliati e partecipazione alle attività ricreative e culturali.

3 – Tutela assicurativa infortuni (rimborso spese mediche)

4 – Polizza responsabilità civile a tutela delle Associazioni affiliate(Presidente, Consiglieri, Soci per i danni provocati durante l’attività di volontariato).

5 – Tutela legale per ogni controversia (spese legali,  scelta del proprio legale di fiducia,  perizie e consulenze tecniche).

La Responsabilità Civile copre i danni a terzi per un evento accidentale verificatosi in relazione allo svolgimento delle attività di volontariato.

MASSIMALI ASSICURATI PER I SOCI ( non sono previsti limiti di età)

INFORTUNI:  in caso di morte: euro 40.000,00

Invalidità permanente:  euro 40.000,00 (franchigia 3%)

Rimborso spese sanitarie:euro2.000,00

(franchigia minima 50,00; max 10% per sinistro).

Sito web: www.ancescao.it

 

 

ASSEMBLEE ANCeSCAO DEL COMPRENSORIO

6 marzo 2017

Sintesi dell’ Assemblea Ordinaria del Direttivo Comprensoriale
Ancescao tenuta presso la sede della Stalla a Imola
1) Il Presidente dell’Assemblea saluta i centri Sociali presenti e dá il benvenuto al   rappresentante dell’Associazione Rambaldi di Toscanella neoaffiliato al Direttivo Comprensoriale  ANCeSCAO dal 1° gennaio 2017.
2) Lettura e approvazione del bilancio consuntivo 2016.
3) Il Presidente propone di acquistare con l’utile di cassa (3000 euro circa) dei defibrillatori  per i Centri Sociali sprovvisti. Si fa presente che la cifra è esigua. Basterebbero appena per due Centri (1500 euro ciascuno).
4) Per l’uso di un defibrillatore occorre partecipare ad un corso di 4 ore circa e ripeterlo ogni due anni (costo 175 euro). Anche non usandolo, ogni due anni bisogna sostituire le piastre (costo 250 euro). In possesso dello strumento, chi ha eseguito il corso è tenuto a intervenire in caso di emergenza, altrimenti è perseguibile penalmente. In ogni caso è prioritario avvertire  il 118.
Conclusione: il Presidente scriverà a tutti i Centri Sociali per apprestare un corso di istruzione per l’uso di defibrillatori. Altri, invece, propongono di investire in servizi per tutti ad esempio: rete internet, giovani, turismo a costo zero, utilizzo di una tipografia centralizzata.
5) Tesseramento. Al momento del ritiro delle tessere Ancescao dal regionale di Bologna bisogna versare subito il 55% del costo e la stessa cosa devono fare i Centri con le tessere ritirate prima del 31 gennaio e saldare tutto entro il mese di maggio. Se c’è necessità di nuove tessere oltre tale data, il saldo deve essere effettuato entro il 31 dicembre del medesimo anno.
6) Si affronta il problema delle convenzioni tra Comune e  i Centri Sociali che gestiscono strutture pubbliche e impianti sportivi. La legge obbliga i Comuni a cedere le strutture pubbliche tramite bando. Il rappresentante del Centro Sociale di Toscanella fa presente che tale procedura è già operante nel Comune di Dozza.
7) Varie.
• Il Direttivo Comprensoriale è in scadenza e si propongono alcuni consiglieri a farne parte.
• Si decide di aumentare la quota di affitto alla  Stalla da 400 a 600 euro.
• Si chiede ai vari Centri Sociali di indicare il calendario delle attività programmate. Ogni Centro dovrà comunicare la data della propria festa.
• Se un Centro ha interesse a chiarire problemi inerenti la salute, un gruppo di medici è disponibile a intervenire nel merito con corsi gratuiti. L’iniziativa ha già riscosso vivo interesse e ampia partecipazione.
• Si propone di far propria una iniziativa di turismo a chilometro 0 partito dalle città di Modena, Parma, Reggio Emilia consistente in uno scambio di visite tra abitanti di città dell’Emilia Romagna. Ad esempio i turisti che venissero da noi, al mattino potrebbero visitare a Imola l’ Autodromo, la Biblioteca, la Farmacia, Palazzo Tozzoni e al pomeriggio potrebbero recarsi a Dozza a visitare la Rocca, l’Enoteca Regionale, i murales, e qualche azienda vinicola delle colline circostanti..
• L’Associazione Altroconsumo che fa parte della Federconsumatori chiede di poter tenere assemblee nei Centri Sociali per illustrare la loro attività.
• La prossima Assemblea Regionale, quest’anno, si terrà a Imola.(Gaspare Dalpero)

 

RIUNIONE ANCeSCAO DEL 26 APRILE 2017 (Imola La Stalla)

1° PUNTO ALL’ODG: TURISMO SOCIALE
Più che di scambi di visite reciproche con altri Centri Sociali si è parlato delle varie iniziative di Turismo Sociale organizzato dai singoli Centri Sociali od Associazioni aderenti.
Diverse sono infatti le “Gite” organizzate dal Campanella, dalla Stalla, dal Tiro a Segno, dalla Tozzona e via, ma ognuno se le pubblicizza al solo proprio interno: è evidente la necessità di mettere in rete tutte queste iniziative e così sarà fatto: i vari centri sociali attraverso il coordinamento della ANCeSCAO pubblicizzeranno le varie iniziative e le apriranno anche alla partecipazioni ai tesserati degli altri centri.
Il Presidente (Salvatore Oliviero) ed il Consigliere Comunale di Imola, Mario Peppi, illustrano l’ultima convenzione, in ordine di tempo, fatta con la Agenzia Santerno inerente le proposte di gite giornaliere al mare in pullman (primo viaggio lunedì 5 giugno ultimo giovedì 7 settembre- per programma dettagliato vedi folder allegato). Intervengono alcuni presenti che ricordano che anche altre organizzazioni già operano in questo settore e propongono più o meno le stesse gite, faccio notare che in questa ultima proposta non è previsto il passaggio e la fermata nel nostro Comune, Il Consigliere Peppi mi dice che Dozza ha un accordo per partecipare a quelle organizzate dall’AUSER.
2° PUNTO ALL’ODG: DEFINIZIONE PROGRAMMA INSALUTE
Quasi tutti i Centri si sono accordati su come aggregarsi per ottimizzare gli incontri per realizzare la massima partecipazione; a domanda diretta ho comunicato che il nostro Centro non ha un numero di aderenti da giustificare la organizzazione di incontri presso la ns sede o, data la lontananza dagli altri centri, nemmeno di aggregarsi agli incontri che andranno ad organizzare gli altri.
3° PUNTO ALL’ODG: RINNOVO CONVENZIONI
L’argomento non ci riguarda ma la discussione è stata interessante poiché si è anche parlato dei problemi dei Centri che ospitano anche sale di slot machine (soprattutto le bocciofile) a cui il Comune di Imola ha difficoltà a rinnovare le convenzioni (e non per questo solo motivo): argomento delicato poiché le si
vorrebbero bandire ma sono fonte di introito a cui è difficile rinunciare.
4° PUNTO ALL’ODG: VARIE ED EVENTUALI
Diversi sono stati gli argomenti:
a) I Soci (Centri ed Associazioni) sono invitati ad inviare nomi, indirizzi mail e numeri telefonici dei componenti i propri direttivi e ciò per agevolare la comunicazione.
b) I Soci (Centri ed Associazioni) sono invitati a comunicare le attività e le iniziative svolte ed organizzate dai singoli Soci affinchè le stesse siano pubblicizzate a tutti i Soci e portate a
conoscenza dei Tesserati ANCeSCAO.
c) Viene proposta la creazione di una data base unico (a livello ANCeSCAO) dove vengano inseriti gli elenchi delle attrezzature di proprietà di ogni singolo Socio che intende eventualmente, se richiesto, mettere a disposizione degli altri Soci.
d) Sempre in relazione allo scambio di informazioni viene proposto di pubblicare sul sito ANCeSCAO l’elenco delle Sale che ogni singolo Socio potrebbe mettere a disposizione per concederle in uso aterzi, informazioni di disponibilità che dovranno essere corredate con i dati di capienza e di
eventuali attrezzature presenti utilizzabili ma non dei costi: i costi verranno concordati in sede di una apposita riunione in sede ANCeSCAO.
e) Problema SIAE : esistono sì delle convenzioni, si ritiene comunque di andare presso la SIAE di Imola per cercare di strappare una convenzione “locale” più favorevole rispetto a quelle nazionali o di settore.
Il Presidente inizia a dare lettura del nuovo status organizzativo della ANCeSCAO (abolizione dei livelli regionali, Associazione di II livello, chi sono i Soci e chi sono i tesserati ecc. ecc.) il Consigliere Peppi chiede al Presidente di inviare lo schema della nuova organizzazione affinchè sia letto o quantomeno auspicando che sia letto!!!
La riunione viene dichiarata chiusa.
QUATTRO CHIACCHERE CON IL PRESIDENTE: PROBLEMA TESSERATO CANNONE:
mi dice che anche loro (lui stesso) ha un problema dello stesso genere, tesseramento emesso da altri centri mentre la attivita’ viene svolta in altri e secondo lui vale il principio della Attività Prevalente, principio che il
ns Sindaco ha detto non essere valido in quanto discriminante soggettiva e non oggettiva e quindi non utilizzabile: ho riportato come sarebbe stata da noi risolta ed ha convenuto che è una ottima soluzione e che cercherà di applicarla (se possibile) anche nei loro casi e cioè che su delibera e/o su precisazione di
delibera già assunte, il Centro può richiedere che per alcuni tipi di attività peculiari del proprio Centro sia richiesta e riconosciuta la tessera ANCeSCAO ma rilasciata dal Centro stesso: la tessera ANCeSCAO dà diritto a partecipare alle attività comuni organizzate dal Centro ma non a quelle peculiari per partecipare alle quali è necessario che sia emessa appunto dal Centro che le gestisce e/o organizza.
Il Presidente mi dice che se lo riteniamo opportuno è disponibile a parlare con il Sig.Cannone per confermare che la nostra soluzione è l’unica strada praticabile per non perdere il diritto all’utilizzo dell’orto per il prossimo anno, quando sarà rinnovata la tessera ed entrerà in vigore la delibera di peculiarietà. ( Fabio Gandini)